martedì 23 agosto 2016

Contributo a fondo perduto fino al 20% promosso dal Comune di Cagliari per il risanamento edifici e parti comuni.



www.studioiadevaia.cpmAREA GEOGRAFICA: Sardegna
SETTORI DI ATTIVITÀ: Servizi/No Profit
BENEFICIARI: Persona fisica, PMI
SPESE FINANZIATE: Opere edili e impianti, Consulenze/Servizi
TIPO DI AGEVOLAZIONE: Contributo a fondo perduto
BANDO APERTO | Scadenza il 21/10/2016
Con il presente bando il Comune di Cagliari si propone l'obiettivo di agevolare mediante la concessione di contributi una precisa scelta di politica abitativa volta sia alla riqualificazione ed al riuso dei quartieri storici che alla salvaguardia degli aspetti architettonici degli edifici ubicati all'interno del centro storico e delle aree limitrofe.

Soggetti beneficiari

  • proprietari singoli o riuniti in consorzio
  • titolari di diritto di usufrutto, uso o abitazione sull'alloggio oggetto di intervento
  • soci proprietari delle cooperative edilizie
  • condomini o amministratore pro-tempore incaricato
  • rappresentante legale
  • consorzi di condomini
  • imprese di costruzione o cooperative edilizie 

Tipologia di interventi ammissibili

  • recupero primario degli edifici, sia di proprietà esclusiva che di proprietà condominiale
  • recupero secondario dei singoli alloggi, con le loro pertinenze
  • recupero primario e secondario contestuali
  • acquisto dell'alloggio con recupero secondario/primario

Entità e forma dell'agevolazione 

Il contributo concesso è pari al 20% del costo convenzionale desumibile dal Quadro Tecnico Economico dell'intervento.

Scadenza

21/10/2016

domenica 26 giugno 2016

Credito di imposta su acquisto beni strumentali

La Legge di Stabilità 2016 ha introdotto alcune misure di agevolazione, tra cui un bonus investimenti sotto forma di credito d’imposta. L’ultima manovra ha stanziato 617 milioni di euro l’anno rivolti agli imprenditori che intendono investire nel Mezzogiorno nel quadriennio che va dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2019.
Con un provvedimento approvato nei giorni scorsi l’Agenzia delle Entrate ha dato il via libera al modello con cui gli imprenditori possono fare domanda per il credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi e utili al core business dell’azienda.
Ricordiamo che gli investimenti devono essere destinati a strutture produttive situate nelle cosiddette aree svantaggiate, ossia Basilicata, Calabria, Molise, Abruzzo, Puglia, Sicilia e Sardegna.

Credito d’imposta per il Sud: chi può usufruirne

Il credito d’imposta ha carattere automatico e spetta ai titolari di reddito d’impresa, a prescindere dalla forma giuridica utilizzata.
 
I beneficiari del bonus sono tenuti a dimostrare gli investimenti legati all’acquisto, anche tramite contratti di locazione finanziaria, di macchinari, impianti, tecnologie e attrezzature destinati ad aziende già esistenti o che vengono impiantate nel territorio.
Le agevolazioni sono previste sugli investimenti che:
  • non superano l’importo di 1,5 milioni, con riferimento alle imprese di piccole dimensioni;
  • di importo pari a 5 milioni per quanto riguarda le imprese medio-grandi;
  • non superano i 15 milioni per le imprese più grandi.
Non possono usufruire del credito d’imposta le imprese in difficoltà o quelle che operano nei seguenti settori:
  • industria siderurgica
  • industria carbonifera
  • fibre sintetiche
  • costruzione navale
  • trasporti e relative infrastrutture
  • produzione e distribuzione di energia e delle infrastrutture energetiche
  • settore creditizio, finanziario e assicurativo.

Credito d’imposta per il Sud: come fare domanda

Gli imprenditori interessati a richiedere il credito d’imposta possono presentare domanda a partire dal 30 giugno 2016, esclusivamente per via telematica.
 

Super ammortamento e credito d’imposta per le imprese del Sud

La Legge di Stabilità ha previsto, per le imprese meridionali, anche un super ammortamento, che è del tutto compatibile con il credito d’imposta.
Il super ammortamento consente la deduzione di una quota di ammortamento maggiorata del 40% e vale per gli acquisti effettuati nel periodo compreso tra il 15 ottobre 2015 ed il 31 dicembre 2016, fatta eccezione per i beni soggetti a coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5%.
Gli imprenditori che intendono investire al Sud potranno, quindi, usufruire contemporaneamente di entrambi i bonus fiscali per il medesimo investimento.
Non sono invece cumulabili gli aiuti “de minimis” o altri aiuti di Stato.

domenica 10 aprile 2016

NOVITA LEGGE STABILITA 2016

IMU-TASI

È uno dei capitoli di maggior rilevanza della Legge di Stabilità 2016 (vale 3,7 miliardi) e riguarda sia le abitazioni sia gli immobili d’impresa:
  • viene eliminata la TASI sulla prima casa, con l’unica eccezione delle abitazioni di lusso (categorie catastali A1, A8 e A9);
  • l’abolizione dell’imposta si applica anche nel caso di abitazione assegnata al coniuge legalmente separato;
  • fra le novità dell’ultima ora, inserite alla Camera, uno sconto del 50% per l’imposta sulla prima casa data in comodato d’uso a parenti di primo grado (figli e genitori), a condizione che si possieda solo un’altra casa di proprietà nello stesso Comune.
Per quanto riguarda le imprese eliminata l’imu sui terreni agricoli e quella sugli imbullonati, ovvero i macchinari fissi al suolo delle aziende.


Infine, c’è un provvedimento che si potrebbe definire salva delibere, che rende applicabili al 2015 le variazioni sulle aliquote IMU e TASI approvate dai Comuni entro il 31 luglio (non più entro il 30 luglio). Non è chiaro quali saranno gli effetti di questo slittamento (il saldo sulle imposte prima casa 2015 è stato già pagato).


Altre misure sugli immobili

Ci sono una serie di norme che riguardano i settori delle compravendite immobiliari e dell’edilizia. Prorogate al 2016 le detrazioni su ristrutturazioni edilizie e riqualificazione energetica nelle attuali misure (rispettivamente, 50% e 65%), e il bonus mobili, che si arricchisce di una nuova possibilità: una detrazione sempre al 50%, fino a una spesa massima di 16mila euro, per arredi ed elettrodomestici destinati alla prima casa appena acquistata da giovani coppie. Previsto poi un leasing agevolato per l’acquisto della prima casa, sempre da parte di giovani coppie (con almeno uno dei due componenti sotto i 35 anni).


Infine, c’è una misura che introduce la possibilità di applicare le agevolazioni fiscali sull’acquisto della prima casa, relative a imposta di registro o IVA, anche da parte di chi ne ha già usufruito per acquistare un’abitazione precedente e decide di cambiare casa, a condizione che il vecchio immobile venga venduto entro un anno dal rogito.


Misure per le imprese

Nel corso dell’iter parlamentare sono state confermate le misure introdotte dal ddl originario del Governo, con una serie di novità destinate in particolare alle imprese del Sud. In particolare, è stato previsto un credito d’imposta, diversificato a seconda delle dimensioni dell’impresa (20% per le piccole imprese, 15% per le medie imprese, 10% per le grandi imprese), per gli investimenti in macchinari delle aziende di Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia, oppure nelle zone assistite delle regioni Molise, Sardegna e Abruzzo. Fra le altre misure per le imprese:
  • superammortamento al 140% per l’acquisto di macchinari: la deduzione è applicabile agli acquisti in beni strumentali effettuati dal 15 ottobre 2015 al 31 dicembre 2016;
  • sconto contributivo al 40% per due anni per le assunzioni a tempo indeterminato effettuate nel 2016;
  • eliminazione IRAP agricola;
  • detassazione premi di produttività.


Pacchetto sicurezza

È una delle novità fondamentali introdotte nel passaggio alla Camera. Dopo gli attentati di Parigi dello scorso 13 novembre, è stato inserito in manovra un pacchetto da 2 miliardi di euro, il 50% da destinare alla sicurezza e il 50% alla cultura. Fra le misure destinate alla sicurezza, un bonus di 80 euro in busta paga a tutti gli esponenti delle forze dell’ordine, mentre sul fronte della cultura una card da 500 euro ai ragazzi che compiono 18 anni da spendere in attività culturali (musei, cinema, teatri). Per queste misure sono stati utilizzati i fondi che originariamente erano previsti per anticipare al 2016 parte del taglio IRES alle imprese (che quindi slitta al 2017).


Pensioni

Confermate le misure originarie, in parte potenziate:
  • l’Opzione Donna viene estesa anche alle lavoratrici nate nell’ultimo trimestre dell’anno (quindi i requisiti sono 35 anni di contributi e 57 o 58 anni di età);
  • no tax area pensionati a 8mila euro per chi ha più di 75 anni;
  • settima salvaguardia a tutela di 26mila 300 esodati;
  • nuova possibilità di part-time per la pensione per lavoratori a cui mancano meno di tre anni all’età pensionabile, l’azienda paga i contributi pieni, ma li versa direttamente in busta paga invece che all’INPS e al dipendente viene comunque accreditata contribuzione figurativa per cui alla fine percepità la pensione senza decurtazioni.


Salva risparmiatori

Provvedimento di tutela per i piccoli risparmiatori penalizzati dopo il salvataggio delle quattro banche (Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti, Cari Ferrara): previsto un fondo con dotazione intorno ai 100 milioni di euro per risarcire i circa 12mila 500 obbligazionisti che avevano acquistato titoli subordinati. Il fondo è finanziato dal sistema bancario, l’entità dei risarcimento sarà decisa, in base a criteri da fissare con apposito decreto ministeriale, da una commissione di arbitri nominati dalla presidenza del Consiglio. Il premier, Matteo Renzi, ha annunciato l’intenzione di affidare l’incarico a Raffaele Cantone, presidente dell’autorità anticorruzione.


Altre misure


  • Congelati gli aumenti IVA e accise per il 2016 previsti da precdenti clausole di salvaguardia per assicurare il pareggio di bilancio;
  • fondi UE ai professionisti: i liberi professionisti sono equiparati alle PMI nell’accesso ai fondi UE;
  • conciliazione lavoro-famiglia: due giorni di congedo obbligatorio per i papà, da utilizzare anche non consecutivamente. Il voucher per asilo o baby sitter esteso anche a lavoratrici autonome e imprenditrici;
  • tetto contanti portato a 3mila euro (dagli attuali mille euro): resta però a mille euro per i money transfer e per i pagamenti della Pubblica Amministrazione (quindi, ad esempio, per il pagamento delle pensioni);
  • pagamenti elettronici: eliminato il tetto dei 30 euro, commercianti e professionisti sono obbligati ad accettare sempre pagamenti con carte di credito e bancomat per operazioni sopra i 5 euro, a meno che non ci sia un’oggettiva impossibilità tecnica;
  • canone RAI: dal 2016 scende a 100 euro (dai precedenti 113,50) e si paga con la bolletta elettrica, in dieci rate. Nel primo anno di applicazione la prima rata sarà inserita nella bolletta di luglio, successivamente si inizierà da gennaio;
  • fisco: semplificazioni per la dichiarazione dei redditi 2016, con l’abolizione delle verifiche per i rimborsi superiori a 4mila euro relativi a carichi di famiglia o eccedenze di precedenti dichiarazioni. Nuovi obblighi per medici e strutture sanitarie nella trasmissione dati al Fisco per la predisposizione del 730/precompilato 2016, che conterrà le spese sanitarie, senza però applicare sanzioni nel 2016 (a meno che non si rilevi un’indebita fruizione di detrazioni);
  • spending review: ci sono misure che in tutto valgono intorno ai 5 miliardi, che riguardano sanità, spese della pubblica amministrazione, tagli ai CAF (centri di assistenza fiscale).

sabato 6 febbraio 2016

Altra condanna per usura nei confronti di una banca


Lo scorso 30 giugno il Giudice Perilli di Rovereto ha emesso una sentenza che riprende, citandola, la famosa sentenza 350/2013 della Cassazione di cui più volte ho parlato negli articoli scorsi.
Perché è importante?
Un giudice applica alla lettera la legge e condanna la banca, ANNULLANDO TUTTI GLI INTERESSI DI UN MUTUO.

Sembra strano dire che un Giudice applica alla lettera la legge. Purtroppo non è strano che avvenga il contrario, soprattutto quando pariamo di banche…
La legge è chiara e secondo me si articola in tre punti:
vanno considerati tutti i tipi di interessi, siano perciò CORRISPETTIVI o MORATORI;
vanno considerati quando vengono PATTUITI o CONCORDATI;
qualora si verificasse il superamento del tasso soglia, nulla è dovuto e il contratto diventa a titolo gratuito: quindi tutti gli interessi devono essere annullati.
Allora io mi chiedo, come mi sono chiesto già altre volte: “dove sta la ragione?”
Sta dalla parte di quelli che dicono che la legge è chiara e bisogna applicarla?
O dalla parte di quelli che, dietro ad altre ragioni di volta in volta diverse, dicono che non si deve condannare la banca?
Dico “di volta in volta diverse” perché a leggere le poche (per fortuna) sentenze a favore delle banche si nota una cosa: ogni volta si cerca una scusa nuova:
la sommatoria dei tassi (corrispettivo e moratorio) non è prevista da nessuna legge. VERO: è prevista da quasi tutti i contratti di mutuo.
Non si sommano tassi di natura diversa. FALSO: la legge dice che gli interessi devono essere considerati tutti: tutti quelli che a qualsiasi titolo sono concordati quindi anche quelli di mora.
A volte alcuni giudici non considerano il momento della sottoscrizione del contratto per giudicare la bontà di un tasso ma un momento successivo. FALSO: è il momento della pattuizione quello che deve essere considerato.
Alcuni giudici non considerano il fatto di RESTITUIRE TUTTI gli interessi ma solo la parte eccedente alla soglia di usura. FALSO: la legge dice (art. 1815c.c.) che qualora siano concordati interessi usurari, nulla è dovuto a titolo di interessi.

giovedì 7 gennaio 2016

SARDEGNA: CONTRIBUTI ALLE COOPERATIVE SOCIALI, DOMANDE DAL 2 GENNAIO



La Regione Sardegna tramite l’Assessorato regionale del Lavoro informa che, a partire dal 2 gennaio 2016, potranno essere presentate le domande di contributo in conto occupazione alle cooperative sociali iscritte nella sezione B dell'albo regionale delle cooperative sociali ed ai loro consorzi. 
La Regione concede contributi in conto occupazione alle cooperative sociali iscritte nella sezione B dell'albo regionale delle cooperative sociali ed ai loro consorzi. 
Il contributo è concesso per ciascun socio lavoratore assunto a tempo indeterminato o a tempo determinato nella misura massima del 50 per cento della retribuzione prevista dal contratto collettivo nazionale di categoria. Tale misura è elevata fino all'80 per cento per ciascun socio appartenente alle categorie delle persone svantaggiate.
Il contributo è erogato, compatibilmente con la disponibilità di bilancio, per un periodo non superiore a 24 mesi, con cadenza annuale posticipata, e non è cumulabile con analoghi contributi previsti dalle leggi nazionali e regionali. La procedura "a sportello" terrà conto dell’ordine di invio delle domande. Il contributo verrà erogato fino ad esaurimento delle risorse disponibili.  Domande dal 2 gennaio.

Sardegna,Voucher Startup: incentivi per la competitività delle Startup innovative


Sardegna,Voucher Startup: incentivi per la competitività delle Startup innovative.



Sardegna,Voucher Startup: incentivi per la competitività delle Startup innovative. Beneficiari sono le startup innovative, oppure le startup costituite da non più di 24 mesi che, pur non rientrando nella definizione di "startup innovative" si propongono con un piano di sviluppo caratterizzato da significativi elementi di innovatività. Le imprese devono avere sede legale e operativa in Sardegna. 
Il bando eroga voucher (contributo a fondo perduto) fino a 100.000 euro. Sono previsti contributi a fondo perduto in misura variabile fino al 80% delle spese. Obiettivo sostenere e rafforzare la competitività delle start up, incentivando processi di innovazione di prodotto, servizio o processo. Domande entro il 31 marzo 2016.